News

 

NOVITA’ 2018 PER IL CONTENIMENTO DEL VERDE INDESIDERATO

UBAN WEED ®, prodotto speciale (NO FITOSANITARIO) con azione antitraspirante per la regolarizzazione della crescita della vegetazione erbacea indesiderata, particolarmente indicato per impieghi extra-agricoli (ambiente urbano, strade, ferrovie, etc)

URBAN WEED® è in grado di ridurre notevolmente la traspirazione della vegetazione erbacea indesiderata con cui entra in contatto, regolarizzandone la crescita. Quando il prodotto viene irrorato sulla vegetazione, forma un pellicola semipermeabile in grado di regolare la traspirazione delle piante. L’azione fisica esplicata è un ottimo supporto alle classiche lavorazioni meccaniche (sfalcio), permettendo di regolarizzare la crescita della vegetazione infestante ed una migliore programmazione degli interventi di sfalcio.

URBAN WEED® a seguito di un intervento di contenimento meccanico della vegetazione,  aiuta a prolungare l’intervallo di tempo tra due interventi di sfalcio,  riducendo notevolmente la traspirazione della vegetazione con cui entra in contatto, inducendo uno stress di natura termico-energetica che si manifesta con l’alterazione e la conseguente inefficienza dei tessuti vegetali interessati.

L’azione fisica esplicata, che si manifesta con la necrosi dei tessuti, è equiparabile a quella provocata da altri interventi di tipo fisico.

URBAN WEED®  con la sua azione antitraspirante , dato che non è un prodotto fitosanitario, consente all’operatore di creare un cantiere di lavoro mobile più semplice e veloce (nessun tempo di rientro e segnalazione cantiere) e di ridurre notevolmente i costi rispetto agli altri interventi.

 

Scarica etichetta pdf – URBAN_WEED

 

 

 

EMERGENZA CASTNIDE DELLE PALME

LAGO DI GARDA

Paysandisia archon è un lepidottero di origine sudamericana appartenente alla famiglia Castniidae, che rappresenta attualmente una terribile minaccia per le palme ornamentali. Attacca principalmente la palma nana (Chamaerops humilis) e la palma del Giappone (Trachycarpus fortunei).

La presenza di tale parassita è stata accertata, a partire dal 2010, in Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Lazio, Marche, Puglia, Basilicata, Campania e Sicilia.

Compie una generazione all’anno. I sintomi caratteristici della presenza di tale parassita sono:

-presenza di abbondante rosura in corrispondenza dei fori di uscita delle gallerie larvali, in particolare nella parte apicale dello stipite;

-perforazioni a semicerchio del lembo fogliare, localizzate soprattutto a livello del germoglio centrale.

Il trattamento esoterapico fitosanitario proposto da GEA , consiste in una doccia mediante un getto a bassa pressione, che consente di imbibire uniformemente la parte apicale dello stipite ed il germoglio (zona della palma maggiormente soggetta ad attacco) e penetrare nelle gallerie scavate dalle larve, ove presenti.

Tali trattamenti, generalmente tre nell’arco dell’anno, devono essere realizzati nel periodo estivo, da maggio a settembre.

Se non si interviene, nell’arco di uno o due anni il parassita può provocare la morte della palma attaccata.

Scarica volantino pdf: Paysandisia – volantino